Progressi sociali

Dalla creazione di Eva pour la vie nel febbraio 2012, grazie alle vostre donazioni abbiamo sostenuto finanziariamente centinaia di famiglie di bambini malati. Allo stesso tempo, questo ci ha permesso di identificare le varie difficoltà incontrate da queste famiglie, e di riferire queste problematiche alle istituzioni, al fine di risolvere l'emergenza MA ANCHE la linea di fondo. Il nostro sostegno alle famiglie ha portato a:

  • Assistenza logistica e finanziaria per aiutare le famiglie a beneficiare di un alloggio vicino all'ospedale dove è ricoverato il loro bambino. Questo aiuto è stato accentuato durante il blocco legato a COVID19, perché la maggior parte delle case dei genitori erano chiuse. Abbiamo ottenuto la collaborazione della piattaforma AirnB , dove i nostri contatti sono stati molto coinvolti nella ricerca di alloggi gratuiti per le famiglie interessate.

  • Finanziamento dell'assistenza per cure mediche e attrezzature non coperte dalla sicurezza sociale, che rappresenta un budget significativo per le famiglie. Questo argomento è stato oggetto di un intervento del co-fondatore di Eva pour la vie, Stéphane Vedrenne, nonché della dott.ssa Elise Quillent durante la conferenza "Pediatric Cancers" che si è tenuta il 12 febbraio 2020 presso l'Assemblea Nazionale, a la presenza di molti funzionari eletti.

  • Aiuto di fronte a malattie, lutti e funerali: perdere un figlio è la peggiore tragedia che si possa vivere. I problemi finanziari non dovrebbero essere aggiunti al dolore. In questi anni abbiamo finanziato le spese funebri di decine di famiglie, pur considerando che non era del tutto normale che questa fosse responsabilità delle associazioni. Per questo abbiamo difeso al ministero della Salute il disegno di legge del vice Guy Bricout, e ricordato, con la federazione Growing Up Without Cancer, le esigenze socio-economiche e legali a seguito della morte di un bambino.

    Pertanto, il 16 maggio 2020 i deputati hanno votato all'unanimità un disegno di legge completo . Lei capisce :
    - Congedo per lutto esteso da 5 a 15 giorni frazionati
    - Il mantenimento dell'assistenza sociale (CAF ecc ...) in relazione al bambino per 3 mesi. Fino ad ora, gli aiuti si sono interrotti subito dopo la morte di un bambino. Un miglioramento è stato registrato anche per i beneficiari della RSA.
    - La creazione di una prestazione pubblica in caso di morte, che coprirà le spese funerarie, automaticamente corrisposte a tutte le famiglie dei bambini deceduti dal CAF, in conformità con le proposte avanzate da Eva pour la vie e il lavoro svolto con il deputato Sereine Mauborgne, François Ruffin ...
    - Protezione delle famiglie in lutto dal licenziamento per un periodo di 13 settimane
    - Rimborso del supporto psicologico (psicologi cittadini, ecc.)
Ritorno